Viaggi in Israele

Viaggi in Israele: i luoghi da non perdere

Un itinerario in Terra Santa potrebbe partire con Gerusalemme: tra le città di più antica fondazione nel mondo, vanta un patrimonio vastissimo di siti religiosi e storici. I fedeli si recano al Monte degli Ulivi, al Monte Sion, alla piscina Probatica, ai luoghi della flagellazione, alla Spianata delle Moschee, al quartiere ebraico, al Muro del Pianto ed al museo dell’olocausto.

Con emozione altissima giungono sui luoghi dove avvennero crocifissione, sepoltura e risurrezione del Cristo, con particolare riguardo al complesso del Santo Sepolcro. Oltre Gerusalemme, si consiglia di pianificare il pellegrinaggio includendo Emmaus, Gerico, il Mar Morto, il Lago di Tiberiade, Betlemme, paese natale di Gesù e soprattutto Nazaret. E’ qui che la Madonna ricevette l’Annunciazione da parte dell’Arcangelo Gabriele ed i resti della sua casa sono ancora visibili.

A Nazaret, dove Gesù visse durante l’infanzia, tenendo i primi discorsi, si visitano la visita a Basilica dell’Annunciazione, la Chiesa di San Giuseppe, la Sinagoga e la Fontana della Madonna.

Viaggi in Israele: i documenti necessari per un viaggio in Terra Santa

Per accedere in Terra Santa ai cittadini italiani è necessario il passaporto con validità di almeno sei mesi dalla data di ingresso. Il visto non è indispensabile se il soggiorno non supera i 90 giorni di permanenza. Si segnala che alcuni Paesi non consentono l’accesso a chi abbia il timbro israeliano sul proprio passaporto: per questo i viaggiatori che non desiderino avere problemi, possono richiedere alle Autorità israeliane di frontiera di non apporre i timbri in entrata ed uscita dal paese.

Inviaci la tua richiesta


    [recaptcha]